26 maggio 2004

 

IL PANE QUOTIDIANO


C.P. Oggi in tutta Italia si svolgono iniziative per far conoscere il pane artigianale. E vengono fuori le principali sofisticazioni come il surgelato venduto come fresco, il precotto truccato con acceleratori della lievitazione e via dicendo. All'iniziativa dedica un articolo su Repubblica Licia Granello da cui si evince che i forni artigianali sono 27.965, quelli industriali 150, il consumo pro capite e' di 160 grammi e la regione leader e' la Puglia con 200 grammi, il 90% degli italiani consuma pane ogni giorno.

Resto, tuttavia, sempre dello stesso parere. E' fiato sprecato. La maggior parte della gente è refrattaria a qualsiasi tipo di discorso volto alla qualità. Il prezzo è il fattore determinante. Tutto deve costare poco e non importa se il pane è congelato, surgelato, accellerato o precotto. Il discorso vale per tutti gli altri prodotti. Abbiamo bisogno, secondo me, di nuove politiche e soprattutto di un corposo ridimensionamento della G.D. e di tutti i troiai che propina, veri e propri specchietti per gli "allocchi".



Commenti: Posta un commento

Links to this post:

Crea un link



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

IMPORTANTE: Cucina & Ironia viene aggiornato senza alcuna periodicità, non rappresenta pertanto una testata giornalistica. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a cibitalia@cibitalia.com, verranno immediatamente rimosse.