04 luglio 2002

 

FRITTO MOSTRO

Curiosi di sapere come viene prodotto l’Olio di semi, quello, per intendersi, dove annegano quintali di patatine e fritture di pesce (rigorosamente congelate) che tanto piacciono ai nostri bambini?
Et voilà:
- Prima di tutto occorre un solvente che tiri via dai semi l’olio. Si usa la benzina, che presenta il trascurabile incoveniente di produrre sostanze tipo resine e gomme che andavano bene per la mummificazione dei faraoni ma che il nostro stomaco non sopporta tanto bene.
- Si aggiunge quindi un nonnulla di acido fosforico per spazzar via le gomme prodotte dalla benzina. A questo punto si è ottenuto un olio ottimo per tirare a lucido le padelle di rame e le cornici d’argento. Occorre quindi ridurne l’acidità.
- Ci soccorre la soda caustica, che trasforma il nostro lucidante in un eccellente bagnoschiuma per le pelli secche.
- Trattiamo il bagnoschiuma con acqua tecnologica (?) per eliminare la saponificazione e magicamente otteniamo un olio che per odore, densità e colore, assomiglia a quello appena tirato fuori dal motore di un trattore.
- Fase della decolorazione: si fa con terre attivate da acido cloridrico. Cioè acido muriatico. Si separano i fanghi colorati ed ecco che il nostro olio assume l’aspetto dell’olio alimentare. Odore e sapore però lasciano molto a desiderare.
- E quindi che si fa? Si mette il deodorante, è chiaro! Poi si aggiunge l’acido citrico per eliminare il sapore raccapricciante e gli eventuali residui di sapone. Questi precipitano sul fondo dando vita al miglior detersivo per piatti che abbiate mai sperimentato. Il resto è quello che finisce in bottiglia e poi in padella.

Fantahorror culinario? Terrorismo gastronomico? No. E’ il normale ciclo produttivo dell’Olio di Semi e dell’Olio di Sansa. Il tutto rigorosamente A NORMA DELLE LEGGI VIGENTI. Ad onor del vero, si può anche produrre un ottimo olio di semi senza scomodare la chimica ma per semplice pressione. Ma i macchinari adatti allo scopo sono costosissimi e l'olio che se ne ricava è ancora più caro dell'olio d'oliva!
Buona frittura a tutti.

Commenti: Posta un commento

Links to this post:

Crea un link



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

IMPORTANTE: Cucina & Ironia viene aggiornato senza alcuna periodicità, non rappresenta pertanto una testata giornalistica. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a cibitalia@cibitalia.com, verranno immediatamente rimosse.